news

La scelta del lavello

Esistono tanti modelli di lavelli, più di quanti pensiamo di conoscerne. Vogliamo darvi qualche consiglio per fare la scelta giusta: ogni cucina ha il proprio lavello perfetto! Prima di scegliere un lavello, innanzitutto bisogna determinare l’utilizzo che si vuole!

Per installare un lavello, sia dentro che fuori casa, bisogna innanzitutto determinare la tipologia di lavello che si vuole installare:
• Un lavello ad incasso, sarà una scelta naturale se preferite un lavandino che sia sullo stesso livello del piano di lavoro.
• Un lavello integrato, sarà l'ideale se si sceglie una superficie completamente liscia rispetto al vostro piano di lavoro. Non sono visibili le giunture tra il lavello e il piano di lavoro: si tratta infatti di un unico ed omogeneo supporto.
• Un lavello sotto il piano: viene riposto sotto il piano di lavoro, si presenta come il lavandino integrato ma non si trova sulla stessa linea del piano di lavoro.

Di che materiale deve essere il lavello?

I lavelli sono realizzati in tutti i materiali possibili. È difficile scegliere il materiale più adatto, ma noi vogliamo darvi dei semplici e pratici consigli per fare la scelta giusta:
• Il lavello in acciaio inox: Bassa resistenza ai graffi ma perfetto contro macchie e choc termici.
• Il lavello in acciaio inox antigraffio: E’ un lavello fatto in acciaio inox ma è resistente anche ai graffi
• Il lavello in resina: E’ il materiale numero uno per la resistenza ai graffi, ma non ama le macchie e supporta mediamente lo choch termico.
• Il lavello in granito: Sopporta bene le macchie, ma è utilizzato soprattutto perchè è molto resistente rispetto agli choc termici e ai graffi
• Il lavello in ceramica: Ha un’altissima resistenza ai graffi, agli sbalzi termici e agli agenti chimici. E’ abbastanza resistente alle macchie.

Informazioni utili per decidere il numero delle vasche

• Lavello a due vasche con scolapiatti: lavello perfetto se si cucina spesso per molte persone. Facilita il lavaggio e il risciacquo e permette l’utilizzo di accessori da integrare (tagliere o scolapiatti rialzato)
• Lavello ad una sola vasca. Scelta ideale per ambienti piccoli e molto utile se si dispone di una lavastoviglie
• Lavello ad una vasca con scolapiatti. Compatto, è utile soprattutto quando si vogliono appoggiare i piatti bagnati senza danneggiare il piano di lavoro. Questi ultimi non sono tutti resistenti all'acqua.
• Il lavello ad una vasca con una vasca più piccola e lo scolapiatti: è il perfetto compromesso per le cucine in cui c’è abbastanza spazio.
Esistono altri tipi di lavelli, come ad esempio il lavello circolare, che dà uno stile e un tocco originale alla cucina, o un lavello ad angolo che permette di ottimizzare lo spazio.

Curiosità: I lavelli hanno profondità diversi in relazione ai mobili dove saranno installati. In generale, la profondità di un lavello è compresa tra 15 a 22 cm. Sta a voi misurare!

Come funziona la manutenzione?
Per scegliere bene il lavello, è importante prendere in considerazione anche la sua manutenzione.

Andiamo a vedere come devono essere pulite le varie tipologie di lavelli.

• Per un lavello in acciaio inox: è sufficiente un sapone neutro classico e dell’acqua calda. Per una finitura perfetta, si può pulire con un panno.

• Per un lavello in ceramica: è necessario un po' di detersivo per i piatti e un po’ di acqua per risciacquare. Tuttavia, di volta in volta sarà necessario un accurato lavaggio con polveri abrasive.

• Per un lavello in resina: sono necessari un liquido per la lavastoviglie e dell’acqua calda, ma ovviamente non prodotti detergenti che attaccano la brillantezza e la resistenza del lavello stesso!

Buona scelta!

Copyright © 2015 by Mobili Serini di Serini Simone e Marta s.n.c. | P.IVA 02382350425 | Privacy Policy | Informativa Cookie | | | Created by ideArt